PANEL DI SELEZIONE #8

PAOLO CANEVARI

Paolo Canevari è un artista contemporaneo che vive e lavora a Roma. Riconosciuto a livello internazionale, utilizza vari materiali e media come animazione, disegno, video, scultura e installazione. Le sue opere esplorano simboli riconoscibili per commentare concetti come religione, miti urbani della felicità e i principi dietro la creazione e la distruzione. Dal 2011, sviluppa la serie “Monuments of the Memory”. Tra il 1989 e il 1990 vive a New York, dove espone la sua prima personale. Negli anni ’90 partecipa a numerose collettiva in luoghi come Los Angeles, Parigi, Vienna, Dubline, Taiwan, Bologna, Roma e Venezia. Nel 1999 partecipa alle XIII Quadriennale di Roma. Tra il 2000 e il 2004 espone a Roma, Bangkok, Parigi, Siena e Milano. Nel 2000 espone a Roma, Bangkok e New York. Nel 2007 espone con “Nothing for Nothing” al MACRO di Roma e nel 2008 partecipa alle 52° Biennale di Benezia. Nel 2010 presenta “Nobody Knows” al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prati e “Odi et Amo” alla GNAM di Roma. Nel 2011 espone “Decalogo” al The Drawing Center, New York. Tra il 2015 e il 2018 espone alla Triennale d Milano, a Pechino, alla prima Bangkok Biennale e nel 2019 espone una retrospettiva di opere a Milano. Nel 2020 presenta “Dark Matter” alla Galleria d’Arte Moderna “Giovanni Carandente” di Spoleto, nel 2021 alla Cardi Gallery di Londra. Le opere di Paolo Canevari sono in collezioni pubbliche e private, tra cui: Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, MoMA, New York; Fondation Luis Vitton, Parigi; Cisneros Fontanals Art Foundation, Miami; Macro, Roma; MART, Trento e Rovereto; Rohannesburg Art Gallery; Istituto Nazionale per la Grafica Calcografica, Roma; Perna Foundation, Capri; Olnick Spanu Art Program, Garrison, NY.

CALLY SPOONER

Cally Spooner è un’artista e scrittrice, le cui coreografie si sviluppano attraverso vari media: su film, in testi, come oggetti, tramite suoni e come disegni. Recenti mostre personali istituzionali includono Graham Foundation, Chicago (2024); Cukrarna, Lubiana (2023); Museum Dhondt-Dhaenens (2021), Snt-Martens-Latem; Parrhediades, Londra (2020); Art Institute of Chicago (2019); Swiss Institute, New York; Catsello di Rivoli, Torino; Centre d’Art Contemporain Genève (2018); New Museum, New York; e Stedelijk Museum, Amsterdam (2016). Le sue produzioni dal vivo, opere teatrali ed eventi sono stati messi in scena, tra gli altri presso The Centre Pompidou, Parigi (2023); Museum M, Leuven (2018); The High Line, New York (2015); Tate Britain e Tate Modern, Londra (2014), Performa 13, New York (2013); e l’Institute of Contemporary Arts (ICA), Londra (2012).

ROBERTA TENCONI

Roberta Tenconi è Chief Curator presso Pirelli HangarBicocca a Milano, dove ha curato mostre personali di artisti come Giorgio Andreotta Calò, Leonor Antunes, Rosa Barba, Neil Beloufa, Maurizio Cattelan, Petrit Halilaj, Ann Veronica Janssens, Eva Kot’àtkovà, Matt Mullican, Bruce Nauman Concentrata sulla collaborazione con artisti nella commissione e produzione di progetti sperimentali in spazi non convenzionali, e nel mettere in evidenza la creazione di mostra come mezzo per esplorare e apprendere il nostro presente, i suoi progetti curatoriali in arrivo includono mostre personali di artisti come Saodat Ismailova e Nan Goldin. Parte del team curatorial della 55. Biennale di Venezia Arte “Il Palazzo Enciclopedico” (2013) e della quarta Biennale di Berlino (2006), ha collaborato con musei, istituzioni, fondazioni e associazioni no-profit come alla Fondazione Nicola Trussardi, la Biennale di Gwangju, la Fondazione Aishiti e Manifesta, lavorando con artisti come Jennifer Allora & Guillermo Calzadilla, Pawel Althamer, Tacita Dean, Peter Fischli e David Weiss, Cryprien Gaillard, Pipilotti Rist, Tino Sehgal, tra gli altri. Roberta Tenconi ha curato varie monografie e volumi di artisti e contribuisce regolarmente a cataloghi d’arte e riviste, ha tenuto lezioni e corsi di studi d’arte e curatoriali ed è attualmente membro della commissione dell’Italian Council, un progetto del Ministero della Cultura a sostegno della ricerca artistica, critica e curatoriale in Italia e all’estero.