Siamo felici di annunciare i nomi dei nuovi Borsisti di CASTRO

Marzo – Giugno 2020

 

GIULIA MANGONI

REBECCA MOCCIA

PIETRO LIBRIZZI

STEFANIA CARLOTTI

ANOUK CHAMBAZ

Newsletter

X

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter mensile per restare aggiornato sui prossimi eventi e ricevere notizie sui nostri programmi





Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy di GIGANT.

DICHIARAZIONE DI CONSENSO: Dopo aver letto l'informativa sulla privacy, acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte dell'Associazione Culturale GIGANT per le finalità e i mezzi indicati nell'Informativa sulla privacy di cui sopra.

Desidero ricevere informazioni riguardo le attività di CASTRO, progetto dell'Associazione GIGANT.

previous arrow
next arrow
Slider

ANOUK CHAMBAZ

Anouk Chambaz (Svizzera, 1993) ha studiato cinema al NYFA, Los Angeles (2012); regia cinematrografica presso l'ECAL, Losanna (2015) e filosofia a Venezia e Roma (2019). Insieme a Timothée Zurbuchen ha fondato Rasoir Bouée, un'associazione che sostiene esperimenti nel cinema. È una collaboratrice abituale della radio insitu.audio. Lavora con il cinema e il suono. Tra le mostre recenti personali e collettive in tutto il mondo troviamo: Sound Corner (Auditorium Parco della Musica, Roma), Vilnius International Film Festival, Currents New Media (Santa Fe), Museo Ebraico Contemporaneo (San Francisco), Festival Internazionale del Cinema di Ginevra.

previous arrow
next arrow
Slider

REBECCA MOCCIA

Rebecca Moccia (Napoli - 1992), vive e lavora a Milano.
Dopo essersi diplomata in Scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera e a seguito di una borsa di ricerca presso il MAC USP, Museu de Arte Contemporânea da USP (São Paulo, Brasile) si laurea in Storia e Critica d’arte all’Università Statale di Milano. Dal 2012 è invitata a partecipare a mostre collettive e personali, tra le recenti: Chaotic Passion, Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce a Genova (2015); Laboratorio Aperto, XXIV CSAV, Fondazione Antonio Ratti, Como (2018); Il disegno politico Italiano, AplusA, Venezia (2018); Substantial con Ornaghi&Prestinari, The Open Box, Milano (2016); Cuore, Toast Project Space, Firenze (2019); Fireworks, Galleria Massimodeluca, Venezia (2019); Da qui tutto bene, Museo Novecento, Firenze (2019); Rest your Eyes, Galleria Mazzoleni, Torino (2019).
Nel 2018 fonda FEA, Festival dos Espaços dos Artistas a Lisbona del quale segue la direzione artistica.

previous arrow
next arrow
Slider

GIULIA MANGONI

Giulia Mangoni ha una Fondazione in Arte e Design presso l'University College di Falmouth, un BA in pittura (First Class Honor) presso la City & Guilds of London Art School e un Master in Art Practice presso la School of Visual Arts, New York. Lavora presso l' Isola del Liri, in Italia, ed espone in diversi progetti curatoriali a livello internazionale, recentemente collaborando con Dreambox Lab a New York, Jacquelyn Strycker a Miami, Prochnik Arquitetura a Rio de Janeiro e CultRise a Roma. Il suo lavoro oscilla tra pittura e performance, e attualmente indaga le storie e le mitologie rurali, feudali e postindustriali nelle periferie tra Roma e Napoli. I dispositivi rappresentativi e gli interventi incarnati diventano un modo per metabolizzare e negoziare queste influenze stratificate.

 

La borsa di studio Scovaventi è sponsorizzata da Azienda Agricola Scovaventi. Clicca qui per saperne di più.

previous arrow
next arrow
Slider

PIETRO LIBRIZZI

Pietro Librizzi (nato nel 1993 a Palermo) si è laureato al Goldsmiths' College nel 2016 con una triennale in Belle Arti, lavora in pittura, cinema e musica e vive a Petralia Soprana (Palermo) dove gestisce uno spazio-progetto di nome "casapiena microcentro". Le mostre recenti: nel 2019 Life Cycles a Light Eye Mind London, All In Green Went My Love Riding al Giardino dello Zuccaro, Venezia e "dust sheet embroidered snow" presso Project Gallery, Arundel (UK). Il film Softman (2016) ha partecipato alla 54° Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, Manifesta 12 Palermo nell'ambito del progetto 5x5x5 Rover e Weekend of the Dead di Circuito Nomadica, Bologna.

previous arrow
next arrow
Slider

STEFANIA CARLOTTI

Stefania Carlotti ( Carpi, 1994) vive e lavora a Losanna.
Dopo la laurea in Pittura e Arti Visive in NABA, a Milano, ha conseguito il Master in Visual Arts  European Art Ensemble - presso l’ECAL, a Losanna. Tra le mostre recenti: Garantie, Wishing Well, Lausanne (CH), curata da Melanie Matranga e Ending Explained, Le DOC, Paris (FR), curata da Will Benedict e Stephanie Moisdon. Il suo lavoro è il risultato dell'osservazione della vita quotidiana da cui prende oggetti e situazioni, per appropriarsene attraverso la riproduzione, nel tentativo di razionalizzare il suo posto nel mondo e probabilmente per dare un senso alla sua esistenza.

previous arrow
next arrow
Slider

GIULIA MANGONI

Giulia Mangoni ha una Fondazione in Arte e Design presso l'University College di Falmouth, un BA in pittura (First Class Honor) presso la City & Guilds of London Art School e un Master in Art Practice presso la School of Visual Arts, New York. Lavora presso l' Isola del Liri, in Italia, ed espone in diversi progetti curatoriali a livello internazionale, recentemente collaborando con Dreambox Lab a New York, Jacquelyn Strycker a Miami, Prochnik Arquitetura a Rio de Janeiro e CultRise a Roma. Il suo lavoro oscilla tra pittura e performance, e attualmente indaga le storie e le mitologie rurali, feudali e postindustriali nelle periferie tra Roma e Napoli. I dispositivi rappresentativi e gli interventi incarnati diventano un modo per metabolizzare e negoziare queste influenze stratificate.

 

La borsa di studio Scovaventi è sponsorizzata da Azienda Agricola Scovaventi. Clicca qui per saperne di più.

previous arrow
next arrow
Slider

REBECCA MOCCIA

Rebecca Moccia (Napoli - 1992), vive e lavora a Milano.
Dopo essersi diplomata in Scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera e a seguito di una borsa di ricerca presso il MAC USP, Museu de Arte Contemporânea da USP (São Paulo, Brasile) si laurea in Storia e Critica d’arte all’Università Statale di Milano. Dal 2012 è invitata a partecipare a mostre collettive e personali, tra le recenti: Chaotic Passion, Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce a Genova (2015); Laboratorio Aperto, XXIV CSAV, Fondazione Antonio Ratti, Como (2018); Il disegno politico Italiano, AplusA, Venezia (2018); Substantial con Ornaghi&Prestinari, The Open Box, Milano (2016); Cuore, Toast Project Space, Firenze (2019); Fireworks, Galleria Massimodeluca, Venezia (2019); Da qui tutto bene, Museo Novecento, Firenze (2019); Rest your Eyes, Galleria Mazzoleni, Torino (2019).
Nel 2018 fonda FEA, Festival dos Espaços dos Artistas a Lisbona del quale segue la direzione artistica.

previous arrow
next arrow
Slider

PIETRO LIBRIZZI

Pietro Librizzi (nato nel 1993 a Palermo) si è laureato al Goldsmiths' College nel 2016 con una triennale in Belle Arti, lavora in pittura, cinema e musica e vive a Petralia Soprana (Palermo) dove gestisce uno spazio-progetto di nome "casapiena microcentro". Le mostre recenti: nel 2019 Life Cycles a Light Eye Mind London, All In Green Went My Love Riding al Giardino dello Zuccaro, Venezia e "dust sheet embroidered snow" presso Project Gallery, Arundel (UK). Il film Softman (2016) ha partecipato alla 54° Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, Manifesta 12 Palermo nell'ambito del progetto 5x5x5 Rover e Weekend of the Dead di Circuito Nomadica, Bologna.

previous arrow
next arrow
Slider

STEFANIA CARLOTTI

Stefania Carlotti ( Carpi, 1994) vive e lavora a Losanna.
Dopo la laurea in Pittura e Arti Visive in NABA, a Milano, ha conseguito il Master in Visual Arts  European Art Ensemble - presso l’ECAL, a Losanna. Tra le mostre recenti: Garantie, Wishing Well, Lausanne (CH), curata da Melanie Matranga e Ending Explained, Le DOC, Paris (FR), curata da Will Benedict e Stephanie Moisdon. Il suo lavoro è il risultato dell'osservazione della vita quotidiana da cui prende oggetti e situazioni, per appropriarsene attraverso la riproduzione, nel tentativo di razionalizzare il suo posto nel mondo e probabilmente per dare un senso alla sua esistenza.

previous arrow
next arrow
Slider

ANOUK CHAMBAZ

Anouk Chambaz (Svizzera, 1993) ha studiato cinema al NYFA, Los Angeles (2012); regia cinematrografica presso l'ECAL, Losanna (2015) e filosofia a Venezia e Roma (2019). Insieme a Timothée Zurbuchen ha fondato Rasoir Bouée, un'associazione che sostiene esperimenti nel cinema. È una collaboratrice abituale della radio insitu.audio. Lavora con il cinema e il suono. Tra le mostre recenti personali e collettive in tutto il mondo troviamo: Sound Corner (Auditorium Parco della Musica, Roma), Vilnius International Film Festival, Currents New Media (Santa Fe), Museo Ebraico Contemporaneo (San Francisco), Festival Internazionale del Cinema di Ginevra.