UNWORLDING CHOIR

Workshop a cura di Joshua Wicke.

Il 25 e 26 marzo 2024, il dramaturgo e fiosofo Joshua Wicke, condurrà un workshop intitolato “Unworlding Choir”.

Durante il workshop, si esaminerà l’ambigua storia della pratica drammaturgica, intesa come pratica di controllo e normalizzazione. Seguendo le regolamentazioni storiche che delineavano quali voci e vocalizzazioni erano consentite sul palco e quali erano destinate al silenzio, verranno interrogati i modi in cui la drammaturgia pattuglia i confini del palco. Focalizzandosi su voci rotte, isteriche e disfluenti, si rifletterà su alternative abolizioniste.

Joshua Wicke è un curatore e drammaturgo che lavora nei campi della performance, danza e teatro. Oltre alle sue collaborazioni drammaturgiche (con Moved by the Motion, caner teker, Carolina Mendonça, Alexander Giesche e altri), i progetti recenti includono la curatela della serie “Poetics of Refusal” sulle strategie artistiche e politiche di ritiro, non-performance e negatività, la co-curatela di “Palast der Republik” al Berliner Festspiele e la co-facilitazione di “Dirty Debüt”, una piattaforma per artisti emergenti della performance in diverse sedi a Berlino. Joshua ha insegnato drammaturgia collaborativa, strategie rappresentative in e di crisi e estetica dell’ecologia. I suoi progetti editoriali includono “Theatre in Lockdown” e “Haptic Entanglements”. Precedentemente drammaturgo allo Schauspielhaus Zürich, ora lavora come curatore alla Gessnerallee Zürich. 

Informazioni pratiche:

L’evento si svolgerà il 25 e 26 marzo 2024, presso CASTRO projects (Vicolo dell’Atleta, 21).

Per maggiori informazioni e per prenotazioni, inviare una mail a info@castroprojects.it

Il seminario è parte del Progetto vincitore dell’Avviso Pubblico “Raccolta di Proposte progettuali per la realizzazione di eventi, manifestazioni, iniziative e progetti di interesse per l’Amministrazione capitolina di rilevanza cittadina” promosso da Roma Capitale in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.