Leonardo Bigazzi

Leonardo Bigazzi (Fiesole, 1982) è curatore de Lo schermo dell’arte a Firenze con cui collabora sin dalla prima edizione del 2008. Nel contesto del Festival è stato responsabile dei progetti speciali con gli artisti Hito Steyerl, Hassan Khan, Omer Fast, Hiroshi Sugimoto e Melik Ohanian. È inoltre co-direttore di Feature Expanded(2015- ) e curatore di VISIO European Programme on Artists’ Moving Images(2012- ), programmi internazionali a cui hanno partecipato oltre 150 artisti.

Recentemente è stato nominato curatore della Fondazione In Between Art Film per cui ha co-curato Mascarilla 19 – Codes of Domestic Violence, un progetto di otto film d’artista commissionati sul tema della violenza domestica contro le donne. Il programma è stato presentato al MAXXI di Roma a ottobre 2020.

Tra le mostre curate negli ultimi anni: VISIO Moving Images After Post-Internet (Palazzo Strozzi, Firenze),Invisible Cities (MAXXI, Roma), Petrit Halilaj Shkrëpetima (Fondazione Merz, Torino; Paul Klee Zentrum, Bern; Runik, Kosovo), European Identities.New Geographies in Artists’ Film and Video (Le Murate, Firenze), Directing the Real.Artists’ Films and Video in the 2010s (Palazzo Medici Riccardi, Firenze; Passerelle Centre d’art contemporain, Brest).

Dal 2014 al 2016 è stato curatore del Museo Marino Marini di Firenze dove ha curato le mostre personali di Rayyane Tabet e Pablo Bronstein e vari altri progetti. Nel 2016 ha co-curato la prima edizione de La Nuite blanche de Monaco.

Ha diretto la produzione ed è stato consulente curatoriale dell’artista Petrit Halilaj per 12 mostre, tra cui la sua partecipazione alla 57esima Biennale di Venezia, dove ha vinto la menzione speciale della giuria, e la sua mostra personale al New Museum (New York).

È membro della commissione di acquisizione del FRAC Bretagne (2020-2022) e ha fatto parte nel 2017 di quella del FRAC Champagne-Ardenne.